I sistemi di pagamento che piacciono al Croco Brain

Tempo di lettura: 4 minuti
I pagamenti che piacciono al Croco Brain

I sistemi di pagamento che piacciono al Croco Brain

Le conferme del neuromarketing sui pagamenti rateizzati

Con il termine neuroscienze si intende un insieme di discipline che comprendono, tra l’altro, la ricerca biomedica, la neurofisiologia, la biochimica e biologia molecolare, le tecniche di neuroradiologia ed hanno ad oggetto lo studio delle modalità di funzionamento del cervello umano e del sistema nervoso.

Ambiti relativamente nuovi ed affascinanti che ci consegnano nuove consapevolezze sui comportamenti e i processi decisionali dei clienti già acquisiti e dei potenziali clienti. Il neuromarketing recepisce queste nuove informazioni neurologiche e le mette a disposizione del marketing e delle vendite per comprendere meglio cosa influenza, in maniera negativa o positiva, le reazioni del cliente ai beni/servizi offerti, al listino prezzi o ad una determinata promozione.

Le conferme che arrivano dalle neuroscienze

Il primo dato eclatante che le Neuroscienze evidenziano è che quasi il 95% delle scelte di acquisto dei clienti avviene a livello inconscio e sono dettate dalla parte di cervello più antica, il cosiddetto cervello primordiale o croco brain.

Prima, durante e dopo l’acquisto le variabili in campo, che influenzano le percezioni e determinano la bontà dell’esperienza d’acquisto del cliente tipo, sono legate all’istinto e alle emozioni.

Le tecniche più avanzate di neuroradiologia hanno evidenziato che il gesto di pagare accende nel cervello umano le stesse aree del dolore fisico. Il pagamento è percepito come una perdita dal sistema nervoso antico e il genere umano è antropologicamente più sensibile al dolore che non all’appagamento e alla felicità, in quanto la paura ha da sempre dominato la sopravvivenza e l’evoluzione della specie, prima della fiducia.

Il compito dell’addetto alle vendite che intende conquistare la fiducia e quindi la fedeltà del proprio cliente è quello di minimizzare il senso di perdita e trasformare l’acquisto in una esperienza positiva.

Dal punto di vista razionale il mezzo con cui si paga non dovrebbe impattare sulle scelte. Nella realtà, invece, la metodologia di pagamento porta i consumatori a spendere di più o di meno. I meccanismi psicologici coinvolto sono molti: minor coinvolgimento sensoriale, difficoltà a tenere i conti e perdita dell’autocontrollo. Più si usano sistemi di pagamento digitali, maggiore è la propensione alla spesa.

I diversi strumenti di pagamento generano emozioni (e ricordi) diversi, e “tirare fuori” e contare i contanti è più doloroso che pagare con carta di credito. Economisti come Feinberg e Simester hanno dimostrato che le carte di credito rendono la transazione meno “reale”, scollegando l’atto dell’acquisto da quello del pagamento. Questo fenomeno prende il nome di “disaccoppiamento” e spiega perché le carte di credito svolgano una funzione tranquillizzante. Altri esperimenti condotti con Risonanza Magnetica Funzionale, in effetti, suggeriscono che l’insula, la regione del cervello tipicamente associata alle dipendenze e alle emozioni negative, si attiva in misura inferiore quando i clienti pagano con carta di credito invece che in contanti

Come formulare l’offerta

Le condizioni per trasformare un acquisto in un’esperienza piacevole per il cliente sono numerose e legate naturalmente alla qualità dei servizi proposti, alla chiarezza e trasparenza dell’offerta, alla disponibilità e cortesia degli addetti alla vendita, ma naturalmente non possono prescindere dal prezzo, dal valore percepito e, soprattutto, dalle modalità di “vendita del prezzo”.

Le neuroscienze ci confermano e rafforzano alcuni assunti chiave delle strategie di pricing che rendono meno “doloroso” il pagamento per il cliente.

  1. Il cervello umano percepisce il prezzo da sinistra a destra con “pesi” decrescenti ed è per questo che il valore € 9,99 è assimilato più a € 9 che non € 10 come sarebbe corretto.
  2. È stato appurato che un prezzo espresso solo in numero, senza valuta, genera meno intensità del dolore ed è ancor meno “doloroso” se indicato in lettere e non in numero.
  3. Il “cash-back”, grazie alla sua fisicità di restituzione monetaria al cliente, è percepito come una sorta di “vincita” dal cervello primordiale, a compensazione della perdita sostenuta con l’esborso di denaro.
  4. Ripetuti studi neurologici hanno evidenziato infine che l’area del dolore si accende meno intensamente quanto più “smaterializziamo” o “rimandiamo” per il cliente il gesto del pagamento attraverso il pagamento con carta di credito (naturalmente in ambito sicuro) o la sua rateizzazione.

L’importanza dei sistemi di pagamento

I concetti di Buy Now Pay Later e Pay Cashless, insomma, piacciono molto all’ufficio acquisti del cliente moderno, allentano le sue difese perché allentano il dolore legato alla perdita concreta di denaro e gli consentono di ottenere immediatamente l’oggetto del suo desiderio.

La dimostrazione scientifica di azioni e reazioni neuro-fisiologiche nei comportamenti d’acquisto ci dà un’ulteriore conferma dell’importanza delle soluzioni di pagamento rateizzate per agevolare le vendite, in ottica di soddisfazione reciproca sia dell’azienda che dei suoi clienti.

In un momento in cui il pagamento rateale, definito anche come Buy Now Pay Later, si sta affermando tra i metodi di pagamento preferiti dagli utenti, saper identificare e soddisfare questa esigenza, dando la possibilità ai propri clienti di usufruire di molteplici soluzioni di pagamento significa essere competitivi sul mercato.

Per saperne di più contattaci ora.

Condividi questo post:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

    Richiedi informazioni

    Articoli correlati

    Qomodo: la soluzione Buy Now Pay Later Italiana integrata alla piattaforma SmallPay

    Qomodo, startup italiana nel campo delle fintech, ha introdotto in praticamente tutti i settori di commercio al dettaglio la sua soluzione per i pagamenti digitali, pensata per spese essenziali e spesso impreviste, aumentando la serenità dei clienti e il volume d’affari degli esercenti. Scopriamo come funziona il nuovo metodo di pagamento integrato a SmallPay.

    PagoLight, la soluzione Buy Now Pay Later di Compass, da oggi integrata in SmallPay

    Nell’era digitale in cui viviamo, le modalità di pagamento stanno subendo una rapida evoluzione, spostandosi sempre più verso soluzioni pratiche e immediate. Uno degli strumenti che si sta facendo strada in questo contesto è Pagolight, una soluzione di pagamento innovativa che promette di semplificare le transazioni per gli utenti. Ma come funziona esattamente Pagolight? In questo articolo, esploreremo le caratteristiche principali di questo servizio, da oggi integrato in SmallPay.

    Tecnologia NFC: che cos’è e a cosa serve

    La tecnologia NFC permette lo scambio di dati tra dispositivi che si trovano a una distanza ravvicinata, generalmente inferiore ai 10 centimetri. Scopriamo perché l’NFC rappresenta un soluzione semplice, efficace, sicura e indispensabile nell’era digitale attuale.

    DILAZIONA QUALSIASI PAGAMENTO DIRETTAMENTE DALLO SMART POS
    NEXI – SMALLPAY SENZA COSTI AGGIUNTIVI PER I TUOI CLIENTI